Recensioni

Paddington 2, la felicità vien mangiando… marmellata di arance


Visto con Alex, 8 anni, Giorgio, 6 anni

Paddington 2, la felicità vien mangiando… marmellata di arance

Il più riuscito film per famiglie degli ultimi anni segue le vicende dell'orsetto Paddington per le strade di Londra alla ricerca di un libro rubato. Tra risate e tanto divertimento

di Karin Ebnet 9/11/2017

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2017/11/paddington-2-film-recensione-HP-wpcf_400x225.jpg

Meraviglioso! Sono tanti gli aggettivi che vengono in mente guardando Paddington 2 – tra questi anche delicato, onirico, divertente, empatico, surreale, gentile, familiare e tanti altri – ma meraviglioso li contiene già tutti. Perché il seguito del film che aveva portato sul grande schermo il tenero orsetto di Michael Bond, lo scrittore scomparso ahimé questa primavera, è il più bel film per famiglie degli ultimi anni.

Peccato che Bond non abbia potuto godersi, seduto in sala con i bambini, questo secondo adattamento dai suoi libri. Perché il film diretto da Paul King è stato capace di restituire al 100% l’anima dei suoi racconti e ha trasferito sul grande schermo tutta la pacatezza e la gentilezza d’animo dell’orsetto proveniente dal Perù.

paddington 2 sequel nuovo trailer italiano orsetto

Adottato dalla famiglia Brown, che lo considera ormai uno di casa, Paddington emana positività da ogni pelo, tanto da regalare serenità e gioia a chiunque gli stia accanto. Compresi i vicini, a cui elargisce con garbata eleganza tanti piccoli favori, sempre ricambiati. Ed è a loro che l’orso pulisce le finestre in cambio di qualche spicciolo, per potersi permettere l’acquisto di un libro pop-up su Londra da regalare alla lontana zia Lucy in vista del suo compleanno. Il volume però fa gola anche all’ex divo Phoenix Buchanan, costretto a girare spot di cibo per cani per sopravvivere, che conosce un importante segreto legato al libro. Ancora una volta l’orsetto dalle buone maniere e dalle ottime intenzioni che spesso sfociano in comiche peripizie si troverà così in grossi guai: verrà accusato del furto del prezioso manoscritto finendo persino in prigione. Riuscirà a riabilitare il suo nome e a festeggiare il compleanno di zia Lucy?

Tra i tanti pregi di Paddington 2 va considerata innanzitutto la regia, capace di tenere sempre in equilibrio il film tra la pacatezza del protagonista, la frivolezza di alcune scene, il ritmo degli inseguimenti e la malinconia della prigione. Tutto ha il suo spazio, tutto viene raccontato nel modo giusto nel momento giusto e tutti i personaggi sono perfetti nella loro rappresentazione. Se nel primo film Nicole Kidman era una villain un po’ forzata, Hugh Grant invece è un eccellente affabulatore che trova nella scena finale la perfetta conclusione (non abbiate fretta di alzarvi dalle poltrone alla fine del film, perdereste il meglio). Deve però dividere la scena con un altro grande interprete come Brendan Gleeson, nei panni del ruvido detenuto-cuoco Nocche incapace di restare insensibile alla gentilezza di Paddington e alla bontà della sua marmellata di arance.

paddington-2-hugh-grant-trasformista-tutti-i-volti-HP

Il mondo sarebbe un posto migliore con un po’ di garbo in più e con la dolcezza della marmellata spiega Paddington ai bambini, ed è un insegnamento che aleggia nell’aria per tutto il film e che risveglia davvero la voglia di essere più buoni. Il sapiente e poco evidente uso della computer grafica per portare in vita il peloso protagonista rende perfettamente credibile che per le strade di Londra sia possibile incontrare un orsetto parlante vestito con cappotto blu e cappello rosso. Oltre a portare in vita l’orsetto, il team di animatori di Framestore ha anche realizzato le stupefacenti scene oniriche che impreziosiscono il film e fanno restare a bocca aperta per lo stupore (vedi Paddington che incontra zia Lucy tra le pagine del libro pop-up).

Paddington 2 insomma è una rodatissima giostra su cui i bambini salgono felici di scoprire che oltre al divertimento c’è anche una fantastica storia da seguire e da stringere al cuore. Alex e Giorgio non si sono persi nemmeno una scena, hanno dato fondo a una vasta gamma di emozioni man mano che la storia prendeva vita e hanno seguito con simpatia le disavventure di Paddington. Le risate non sono mancate, ma era una gara tra adulti e bambini su chi rideva di più. Giorgio si è un po’ preoccupato quando Paddington è finito in prigione, ma si è subito rassicurato appena l’orsetto ha trovato nuovi amici. Era anche molto contrariato per l’ingiustizia subita dal peloso protagonista e ha tifato per lui per tutto il tempo. Alla fine la felicità ha prevalso sugli altri sentimenti e siamo usciti tutti dal cinema con un grande sorriso stampato sul volto. Da non perdere!

Paddington-2-trailer

Vai alla scheda Cinema

© Riproduzione riservata


Inserisci un Commento