Blog

Quanto è Kids Friendly Youtube?


Quanto è Kids Friendly Youtube?

Essere genitore significa anche preoccuparsi della sicurezza dei propri bambini che iniziano a navigare in rete...

di Karin Ebnet 27/11/2017

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2012/09/Famiglia-wpcf_400x225.jpg

In questo periodo, sia per questioni lavorative che private, mi sono imbattuta in una questione che ritengo molto importante. Quanto è Kids Friendly YouTube e internet in generale? Ovvero, quanto possiamo essere sicuri che i nostri figli, navigando su internet, non incontrino contenuti sconvenienti non adatti alla loro età?

Per molti il problema è semplicemente tenerli lontani dalla rete, per altri obbligarli a guardare solo quei contenuti scelti e voluti dai genitori e unicamente nei momenti messi a disposizione dall’adulto. Ma il tempo che riusciamo a trascorrere insieme ai nostri figli è sempre meno e, nonostante i tanti divieti, i bambini e i ragazzi in rete ci vanno lo stesso, fosse anche solo per studiare. Impossibile poi pensare che non facciano anche solo una capatina su Youtube. È un’attrazione irresistibile, piena di tutti gli stimoli di cui oggi i nostri ragazzi sentono il richiamo.

Viene stimato che siano circa 11 milioni i navigatori in età protetta che girano in rete, ed è stato quindi necessario correre ai ripari. Negli Usa e nel Regno Unito Youtube sta sperimentando una piattaforma ad hoc pensata per i bambini. Che però in questo periodo ha sollevato una marea di polemiche perché sì, offre una versione filtrata dei contenuti di Youtube adatti per i più piccoli, ma pare abbia più buchi di un gruviera.

Anche il più geniale algoritmo infatti non è a prova di bomba se i giovanissimi utenti si sono trovati davanti a contenuti violenti o con allusioni al sesso. Facile infatti pensare di far fare ai canali kids di Youtube o della televisione il lavoro di babysittering, ma un controllo è sempre importante farlo. Perché è facile per i più piccoli imbattersi in parodie di Peppa Pig in cui la maialina finisce vittima di torture o peggio…

Per questo Google ha di corsa limitato per età l’accesso ai contenuti e inserito un blocco automatico di questo tipo di video, i cosiddetti filmati trappola, alle aree protette dei più piccoli. E nello specifico YouTube si è mobilitato annunciando importanti novità come una più rigorosa applicazione delle linee guida interne e azioni di contrasto più veloci, la rimozione delle pubblicità da video inappropriati rivolti alle famiglie e il blocco di commenti inadeguati su video con minori. Chiusi nelle ultime due settimane 50 canali e rimossi migliaia di filmati. E l’intervento, sia tecnologico che umano, per corre ai ripari verrà ulteriormente rafforzato.

È una vera e propria Adpocalipse! Un nuovo algoritmo infatti blocca la monetizzazione ai contenuti che non vanno bene per le famiglie, scoraggiando così di fatto i creatori a pubblicarli (nel bene e nel male).

iBasterà questo per rendere la rete e Youtube a misura di bambino? La risposta è no. Certo, meglio di niente, ma ricordatevi sempre che tra la libertà di navigare e la proibizione assoluta di usare il computer per accedere a internet c’è una giusta via di mezzo. Il tempo con i nostri figli va impiegato per insegnare loro il modo più corretto di navigare, per spiegare che esistono contenuti proibiti e prepararli ai pericoli nascosti in rete. Oltre alle canzoni di Fabio Rovazzi o episodi di cartoni animati e serie tv, in rete si possono infatti trovare ben altri contenuti, molti dei quali decisamente sconvenienti. Insegnamo loro a riconoscerli e a tenersene alla larga, impareranno così ad essere navigatori consapevoli e attenti. Ma ricordatevi, il computer e la Tv, per quanto kids friendly, non possono mai prendere il posto di un genitore. Fosse anche solo per il piacere di condividere qualcosa insieme…

approvata-in-via-definitiva-la-nuova-legge-sul-cinema-che-tutela-maggiormente-i-bambini-minori-meme

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento